Umiliato dal Dottore




Dopo la breve vacanza in montagna, tornammo nella nostra casa, ormai contenti di aver superato le ipocrisie sessuali che ci dividevano, e fieri di poter vivere tranquillamente la sessualità, senza doversi nascondere dal partner ma anzi, con la complicità dello stesso che n’aumentava l’eccitazione.
Dopo alcuni giorni trascorsi felicemente, parlando di quello avvenuto in montagna o facendo altri giochi, anche grazie alla complicità di Lella e Roberto, Giusy, una mattina mi propose di prendere una giornata libera dal lavoro, ed accompagnarla dal nostro medico di fiducia.
All’inizio rifiutai, considerando gli impegni di lavoro ma, visto l’insistenza di Giusy e il suo dire: “ Non te ne pentirai!” accettai e l’accompagnai dal nostro medico.
Giusy, si vesti normalmente, indossò delle calze autoreggenti, una mini nera, una maglia nera e un perizoma bianco.
Visto l’orario ambulatoriale, andammo per i negozi a fare compere e notavo in Giusy una forte eccitazione, forse consapevole di quello che doveva avvenire.
Entrammo in vari negozi e più di una volta, mia moglie non perse l’occasione di mostrarsi in perizoma o poco vestita davanti agli occhi d’altri clienti, davanti a quelli di commessi o proprietari.
Passammo in giro quasi tutta la mattina, con mia grand’eccitazione nel vedere Giusy esibirsi; poi verso le 11:30 mi ricordò che era l’ora di andare dal medico, poiché tra poco l’orario delle visite era terminato.
Arrivammo e davanti a noi c’era solo una ragazza, ci sedemmo aspettando il nostro turno.
Giusy mi disse di aspettare fuori e che tra non molto mi avrebbe chiamato, così entrò dentro la stanza del medico (Giovanni).
Dopo circa cinque minuti Giovanni aprì la porta dello studio m’invito ad entrarci dentro e poi si diresse a chiudere quella dell’ambulatorio, in quanto a suo dire l’orario di visita era terminato.
Entrai dentro accomodandomi accanto a mia moglie, nel frattempo Giovanni, prese posto dietro la scrivania.
Dopo i saluti e i preliminari, Giovanni chiese a Giusy da quanto tempo aveva questi dolori vaginali e se ultimamente aveva avuto dolori anche, durante i rapporti sessuali.
Giusy disse: “ No Giovanni devo dirti la verità, i dolori durante i rapporti con mio marito non li ho mai avuti, ma ultimamente siamo stati in montagna e li ho avuto rapporti con un altro uomo accorgendomi di questi fastidiosi dolori all’interno della vagina”:
Giovanni, un po’ rosso in viso e un po’ imbarazzato, continuo con le domande, al fine di accertare la causa del dolore, poi disse a mia moglie che era meglio farsi vedere dal ginecologo ma Giusy, affermò che il suo ginecologo di fiducia era in vacanza e non si fidava per niente del sostituto.
Giovanni allora invitò mia moglie a denudarsi e a stendersi sul lettino.
Giusy si sfilò con cura la gonna e il perizoma rimanendo con il pube rasato davanti ai nostri occhi, poi si diresse sul lettino e sì ci sdraiò sopra.
 

Fine
giuseppe_72@yahoo.it