La doccia...





L'estate è finita, ma i ricordi sono vivi. Un giorno a metà agosto eravamo al mare e, dopo esserci crogiolati al sole, ci preparavamo per tornare a casa; con la salsedine addosso avevamo necessità di fare la doccia e ci siamo diretti sul retro dello stabilimento.
La doccia era un pò appartata e chiusa da una staccionata, dovevamo cambiarci e ci siamo messi sotto il getto (Monica si era tolta il costume rimanendo nuda, tanto non c'era nessuno) l'acqua calda veniva a rate e, una volta insaponata avevo iniziato a massaggiarla. La vicinanza del suo culetto mi eccitò e la convinsi ad appoggiarsi al muro mettendole il cazzo nella fica tutta già
fradicia di umori. Stavamo scopando quando con la coda dell'occhio vidi un senegalese che, posata la borsa con la mercanzia, era entrato nel recinto convinto di poter fare pipì, aveva già aperto la patta dei pantaloni e il cazzo fuori. La nostra vista lo aveva scioccato e stava reggendosi il cazzo non sapendo più cosa fare, anche noi eravamo stupiti e eccitati al massimo, con lo
sguardo lo incoraggiai e lui si avvicinò. Iniziò a fare pipì con un getto incredibile, mentre Monica si era spostata di fianco per osservare meglio quel cazzo esagerato, io stantuffavo a più non posso nella sua fica. L'amico aveva preso a masturbarsi e Monica avvicinò la mano destra sostituendosi alla sua nel fargli una sega, il cazzo era diventato quasi mostruoso e dopo pochi minuti il negro scaricò un fiume di sborra sulle tette di Monica, mentre io avevo tolto il mio dalla fica appoggiandoglielo al buchino e venendole dentro. Ci mettemmo nuovamente sotto la doccia mentre il nostro ospite si allontanò visibilmente
soddisfatto.
 

Nando e Monica
ferpie@katamail.com