Cinzia, la mia mogliettina zoccola...




Da quando da un anno navighiamo in internet la nostra vita è pian piano cambiata.
Io (Luigi) e mia moglie siamo diventati morbosi visitatori di Duepi e di altri siti dove i racconti dei lettori hanno liberato i nostri freni inibitori.
Cinzia, la mia mogliettina, è una bella quarantenne mora, non molto alta ma con un culotto rotondo e ben in evidenza e due belle tettone decisamente sproporzionate al resto del corpo. Sembrano due meloni con in cima due grosse aureole marroni e due capezzoloni tutti da premere e pizzicare.
Quello che ci eccita di più è leggere di mariti cornuti, tutti contenti che le loro mogliettine sempre più zoccole si esibiscano, si lascino palpare in pubblico da sconosciuti, si facciano chiavare e inculare da uno o più maschi mentre a loro non rimane che guardare con sguardo bovino e al massimo accontentarsi una bella seghina.
Come avrete capito sono queste ormai le nostre fantasie più spinte e fino alla settimana scorsa erano rimaste tali.
Servivano solo ad eccitarci nei nostri momenti di intimità anche se qualcosa pian piano stava già da tempo cambiando: Cinzia è diventata sempre più disinvolta e sensuale... ridacchiando mi prende sempre più in giro dicendomi:
" Vedrai che presto mi trovo dei cazzoni grossi e duri come il marmo, non come il tuo cazzettino sempre mezzo molle che quando sono bagnata non sento più neanche; sembra proprio il pisellino di un frocetto..... non serve più a niente e allora non gli faremo fare più niente! .......oh.. guarda guarda, si è alzato un poco..... dai... su.. menatelo... fatti subito una sega così ti torna molle perchè questa figa e queste tettone non sono più per te".
A sentire cose del genere io non capisco più niente, mi siedo sul bordo di una sedia e mi smanetto beato fino a sborrare sul pavimento; ormai mia moglie me lo fa fare tutte le sere e il sabato e la domenica anche più volte al giorno.
Mi basta guardarla e fantasticare: Cinzia non porta più mutandine: o un perizoma o niente, i vestiti si sono accorciati e vistosi spacchi mettono in risalto le cosce tornite, i reggiseni sono spariti dal suo guardaroba e il trucco si è fatto decisamente pesante.
Quando cammina per strada, con le scarpe con i tacchi alti che porta adesso, dal culo alle tette è tutto un ballonzolare e dato che vuole camminare da sola davanti a me posso vedere tutte le occhiate e giramenti di testa degli uomini che incrocia.
L'altro sabato ha incrociato tre ragazzotti; uno dei tre ho sentito che ha detto: " guardate che vacca ragazzi, avete visto che culo e che tette? dai seguiamola..."
Si sono accodati e parlottando tra di loro è stato un continuo tra gesti osceni e sghignazzate e quando Cinzia si è dovuta fermare ad un incrocio dove occorre schiacciare il tasto per richiamare il verde per il passaggio pedonale ed attendere, le si sono incollati dietro e di fianco.
Non potete immaginare la scarica di adrenalina che mi ha pervaso; ho immediatamente pensato: "me la stanno palpando".....
Ho visto mia moglie mordersi il labbro inferiore e appoggiarsi con due mani al palo del semaforo e poi come in un flash un rimestolio di mani sotto la gonnellina bianca a balze.
Quel giorno mia moglie non portava il perizoma, sotto era più che nuda perchè si era completamente depilata.
Arrivò il verde per il passaggio pedonale, alcune auto si fermarono e i ragazzi forse impauriti si dileguarono mentre mia moglie ancheggiando come una troia in calore attraversò la strada.
Mi avvicinai a Cinzia e vidi un luccichìo in mezzo alle coscie immediatamente sotto alla minigonna, lei si girò e tutta rossa, con gli occhi lucidi e un sorrisetto complice mi disse: "hai visto cosa è successo a tua moglie a farla andare in giro conciata come una puttana? andiamo a casa frocetto che io ho già goduto e sono qui che colo tutta. Tu conviene che ti faccia la solita sega perchè il giorno che non ci riuscirai più comincerò a infilarti nel culetto una bella zucchina ! "
"La prima volta urlerai come una verginella ma poi una volta che lo allarghiamo ben bene vedrai che godere, altro che con il cazzetto! Ti farò diventare come una femminuccia, chissà che sghignazzate si faranno i miei amanti!"
La seguii a casa desideroso di farmi raccontare cosa di preciso le avevano fatto i ragazzi e con un tarlo che cominciava a lavorare nella mia mente: passata l'adrenalina di oggi, se Cinzia non fa qualche altra porcata, nei prossimi giorni riuscirò a farmi la sega serale? speriamo che Cinzia per qualche giorno se ne stia tranquilla! E' una che le promesse le mantiene!
Ma ora Cinzia è ansiosa di raccontarvi quello che ci è successo la settimana scorsa in un agriturismo dove abbiamo trascorso alcuni giorni.....

continua.....

P.S. Se Vi fa piacere, presto riceverete il seguito dove Cinzia finalmente prima si fa chiavare da uno e poi da quattro energumeni mentre io ormai cornuto e non più desideroso di farmi seghe su ordine di Cinzia vengo inculato.

luigc@libero.it