Nuda tra noi...



Voglio precisare che questo come altri racconti che invierò, non è frutto di fantasia ma è veramente accaduto, come sono accaduti tutti gli altri fatti che narrerò più avanti.
Io e mia moglie, oggi di 38 e 45 anni, da 15 anni esploriamo tutte le vie del sesso più libero, che portano al massimo piacere.
Quindici anni fa, sposati da sei mesi, abbiamo avuto la prima esperienza particolare.
Io già da allora mi eccitavo immaginando la mia Anna (a proposito io sono Flavio) stretta tra le braccia di un'altro uomo, posseduta in tutti i modi... il solo immaginare queste scene mi procurava sconvolgimenti tali,da portarmi alla masturbazione.
In quel periodo, avevo un collega di lavoro, io mi occupo di cantieri e di  progettazioni, con il quale trascorrevo molto tempo in cantieri lontano da casa, in diverse parti d'Italia. Claudio, questo il suo nome, era uno scapolo molto piacente, disinibito, il classico sciupa femmine, io decisi che era il tipo giusto, riservato pulito, sano, per organizzare qualcosa con mia moglie.
Il giorno che decisi di mettere in opera il mio piano, non lo dimenticherò mai, ero così eccitato che la notte non chiusi occhio: il giorno dopo io e Claudio partimmo per un sopralluogo in un cantiere in Veneto, man mano passavano le ore sentivo crescere l'eccitazione; durante la pausa pranzo, lo invitai a fermarsi da noi al ritorno, per bere qualcosa. Come avevo immaginato, accettò senza problemi.
La sera verso le 10,30  dopo aver cenato con lui ed aver abbondantemente brindato, non tralasciando di parlare di sesso, come eravamo abituati a fare, ci recammo a casa mia.
Qui giunti , ci venne incontro Anna, bella come sempre, come sempre provocante.
Quella sera indossava una camicetta ed una gonna, sempre curata e truccata, anche perché l'avevo preavvertita che sarei passato con Claudio a bere qualcosa.
Ci accomodammo in salotto, io ed Anna seduti sul divano a tre posti, Claudio su quello a due bevemmo noi un paio di vodke, Anna un amaro, poi io mi alzai, accesi il televisore, trasmettevano qualche talk show, ci divertimmo a fare dei commenti salaci, io eccitatissimo ed emozionatissimo, decisi di mettere in atto il mio piano.
 Mi alzai e presi da un armadio una cassetta porno, ne avevamo una discreta collezione e le guardavamo assieme, sapevo che Anna si eccitava nel guardarle, presi la cassetta e senza proferire parola la inserii nel videoregistratore attivandolo; il film era interpretato da una donna che scopava con due uomini.
 Spensi la luce e tornai a sedermi accanto a mia moglie, il cuore in tumulto, non sapevo come avrebbe reagito... mi chiese "cosa fai?" io le risposi "nulla, guarda...", passato il primo attimo di stupore e di imbarazzo, lei cominciò a guardare con interesse lo schermo e sentii che non era più così rigida, ogni tanto sbirciava verso Claudio, spiandone le reazioni.
Allora io senza più remore le cinsi le spalle con un braccio, lasciando scivolare la mano ad accarezzare il suo seno, le infilai la mano all'interno della camicetta , sino a giungere ad accarezzarle un capezzolo; lei non fece una mossa, sentii il suo respiro accelerare leggermente, allora con l'altra mano le slacciai la camicetta e liberai
uno dei suoi magnifici seni.
Lei non si ribellò, anzi capii chiaramente che si stava eccitando. Le posi allora una mano su di un ginocchio e facendo risalire la gonna cominciai ad accarezzarla, lei per agevolarmi aprì le gambe, mettendo in mostra le sue mutandine bianche, io sentii con la punta delle dita che ormai era eccitata e spostandole lo slippino, la penetrai con due dita... lei si aprì ancora di più e cominciò a muoversi seguendo il ritmo dei miei movimenti.
Il tutto era avvenuto in un attimo non lasciandomi neppure il tempo per pensare.
Solo in quel momento mi voltai a guardare verso Claudio, ci stava osservando con la bocca aperta, esterrefatto.
Lo fissai cercando di accalappiare il suo sguardo, quando finalmente mi guardò, con gli occhi gli feci cenno di sedersi di fianco ad Anna, che, ad occhi chiusi e gambe aperte, si lasciava masturbare; in quel momento sentii che lei con una mano cercava di toccarmi il cazzo: lo impedii perché al primo tocco sarei certamente venuto, tanta era la mia eccitazione.

  Claudio non si fece pregare e si sedette a fianco a lei, vidi la sua mano accarezzare le cosce di mia moglie e le sue dita inserirsi con le mie nella sua vagina. Lei non si scompose, unicamente si girò verso di me guardandomi, tutta arrossata in viso, bellissima, chiedendomi con lo sguardo la mia approvazione... io in risposta la baciai e le sussurrai "ti amo".
Da quel momento fu un escalation, la facemmo alzare, la spogliammo nuda, poi io iniziai a scoparla e Claudio le porse il suo cazzo turgido, lei senza una esitazione lo prese tra le labbra, ed iniziò un pompino incredibile, se lo infilava tutto in gola sino alla base, e poi fuori con la lingua gli stuzzicava la cappella, e poi dentro in un susseguirsi di movimenti talora rapidi, talora lenti.
Io ero talmente eccitato che al secondo colpo mentre lei cercava di aprirsi completamente, venni senza ritegno... non passò un minuto che anche Claudio, le venne in bocca: non lo aveva mai fatto ma in quell'occasione inghiottì tutto ed anzi continuò a suggere sino a che Claudio non si ritrasse.
Il tutto era durato 5 minuti era stata una esperienza sconvolgente che come capii poi avrebbe cambiato la nostra vita.

continua...

Flavio e Anna