L’inserzione





Era molto che non acquistavamo una rivista di annunci erotici. La comprammo una sera mentre tornavamo a casa dopo essere stati in un cinema a luci rosse.
Quella sera non ci eravamo divertiti, nella sala c’erano troppe persone e come succede in questi casi non riuscimmo a combinare molto, solo una generosa esposizione delle cosce di Anna.
Sfogliammo la rivista con molta attenzione evidenziando le inserzioni che ci interessavano.
Non erano molte, anche perché cercavamo incontri con persone vicine a noi.
Una in modo particolare ci colpì: “singolo 50 enne cerca coppia con lei molto porca per coinvolgerla in giochi ad alto contenuto erotico” .
Rispondemmo interessati, visto che scriveva dalla nostra stessa provincia, allegando il numero di un nostro telefono cellulare.
Dopo circa quattro giorni una sera ci chiamò.
Per prima cosa naturalmente volle parlare con Anna per evitare come disse lui “spiacevoli equivoci”.
Capì subito che eravamo una vera coppia e ci parlò delle sue intenzioni.
Anna si eccitò molto alle sue parole quando lui le chiese che tipo di giochi amavamo fare, lei gli raccontò con molti particolari le nostre esperienze.
Il nostro interlocutore, si chiamava Marco, si mostrò subito interessato al fatto che lei andava da sola coi singoli e che amava anche incontri con più uomini.
Lo risentimmo la sera dopo alle 21 e ci disse che se volevamo ci potevamo incontrare verso mezzanotte, accettammo e ci diede così appuntamento in una zona della periferia.
Il posto dell’incontro era una vecchia fabbrica abbandonata, arrivammo puntuali ma non vedevamo l’auto del nostro nuovo amico; suonò il telefonino, era lui che ci indicò dove trovarlo.
Era nel cortile interno: oltrepassammo il cancello e lo vedemmo.
Si avvicinò alla nostra auto e si presentò. Era un tipo molto deciso, e cominciò subito a toccare Anna. Era una calda notte e in breve lei rimase completamente nuda.
La masturbava con le dita e le diceva tutto quello che le avrebbe fatto fare; lei era molto eccitata. Sentimmo il rumore di un'auto in arrivo, Anna fece il gesto di ricoprirsi ma lui la fermò dicendole di stare calma. L’auto si fermò ad una trentina di metri da noi, Marco riprese a toccarla,  nel buio potevamo notare la presenza di tre persone all’interno della macchina, Anna ricominciò a godere, lui le propose di scendere e di andare nell’auto dei tre... lei mi guardò in attesa di un mio cenno: le sorrisi, e il suo volto era una maschera di libidine.
Marco mi disse: ”aspettaci qua” la prese per mano e la condusse completamente nuda all’auto dei tre. Salirono e misero in moto e si recarono verso il retro della fabbrica.
Aspettai circa due ore poi vidi l’auto tornare.
Anna e Marco scesero e vennero verso di me, gli altri tre se ne andarono di tutta fretta.
Lui mi disse : ”guarda come ti hanno conciato la  mogliettina” e con una pila le illuminò la fica ….. era tutta aperta! Poi la fece girare e mi fece vedere il suo bel culetto che presentava evidenti segni di passaggi di cazzi.
Poi la fece sedere e le mise il cazzo in bocca.
Cominciò così a raccontarmi cosa le avevano fatto mentre Anna gli faceva un pompa: i tre l’avevano scopata e inculata una volta ciascuno.
Poi a sua volta le venne in bocca facendole bere tutta la sborra...