Incontro inatteso
parte II





Dopo l’incontro nel cinema con Fausto il guardiano del garage ogni volta che andavamo a prendere o a parcheggiare le auto ci aspettavamo che ci parlasse di quella sera, invece, anche perché lui c’era solamente alla notte e non sempre, non successe nulla sino ad una notte in cui rientravamo da un giro per “piazzali”.
Si avvicinò a noi e iniziò un discorso molto intricato, mentre parlava il suo sguardo si soffermava ora sulle gambe di Anna che la vertiginosa mini lasciava vedere, ora sull’ampia scollatura. Poi prese coraggio e arrivò al dunque….ci rassicurò dicendo che sapeva tacere, e che se avesse potuto divertirsi con Anna il suo silenzio sarebbe stato maggiormente garantito. Ci disse di stare tranquilli e di pensarci con calma.
Ne parlammo tra di noi, ad Anna lui non piaceva fisicamente, ma suscitava in lei una intrigante attrazione, a me non sarebbe dispiaciuto combinare qualche incontro. Decidemmo di lasciare a lui la prima mossa. Passarono alcuni giorni e una sera mentre parcheggiavo mi chiese se fossimo andati nuovamente in quel cinema.
Risposi di no, lui mi disse che si era molto eccitato a guardare Anna e mi chiese che tipo trasgressioni amavamo fare. Subito risposi vagamente, poi dopo che lui espose le sue segrete libidini, gli raccontai le nostre avventure. Era un tipo molto sveglio, capì al volo che mi piaceva avere una moglie troia  e mi propose di mandare Anna il giorno seguente dopo le 23. Risposi che ne avrei parlato con lei, lui mi diede il numero del suo telefonino dicendomi di chiamarlo per avvisarlo.
Ritornai a casa e mentre cenavamo parlammo della proposta, riprendemmo il discorso a letto con la conseguenza di eccitarci e durante la scopata fantasticammo sui possibili sviluppi.
La mattina dopo a colazione chiesi ad Anna se dovevo chiamare Fausto lei mi sorrise e si leccò le labbra…..
Appena ebbi un momento libero lo chiamai rispose con voce assonnata mi riconobbe subito e mi disse…. "mandala per le 23 in garage che ci penso io a quella porca di tua moglie"…..poi aggiunse… "stai tranquillo sono una persona come si deve"….
Quella sera cenammo tardi ed Anna verso le 22,30 cominciò a prepararsi si truccò e indossò un lungo vestito abbottonato sul davanti  e come biancheria solamente un minuscolo tanga. Mi guardò e mi chiese se andava bene così vestita, obbiettai sui bottoni erano quasi tutti chiusi, lei mi sorrise e mi disse che prima di entrare nel garage ne sarebbero rimasti abbottonati pochi….
La guardai dal poggiolo mentre si avviava al garage che si trovava tre isolati dopo il nostro.
Arrivò la serranda come tutte le sere, dopo le 23, era abbassata con il telecomando la fece salire ed entrò. Si guardò attorno sentì delle risate provenire dagli uffici poi Fausto spuntò e le andò incontro.
La salutò calorosamente e la condusse nell’ufficio. All’interno c’erano due persone, Fausto fece le presentazioni: uno si chiamava Andrea era un bell’uomo di 45 anni, l’altro Enzo era enorme alto e molto grasso e aveva 28 anni anche se ne dimostrava di più.
Anna si sedette su una seggiola, le sue gambe erano generosamente esposte allo sguardo dei tre uomini, Fausto  le si avvicinò, le aprì il vestito e invitò i due a toccarla. Entrambi non si fece ripetere l’invito e iniziarono. Andrea era molto delicato mentre Enzo al contrario era rude e violento. Fausto fece pesanti commenti su di lei…..raccontando ai due amici la scena del cinema.
Enzo la fece sdraiare su un divano letto e le avvicinò il cazzo alla bocca, Anna lo succhiò con maestria era molto largo…. poi lui le sfilò il tanga e con un colpo deciso la penetrò.
Era molto resistente e la scopò a lungo, dopo di lui toccò ad Andrea non aveva la “dotazione” di Enzo ma la fece godere in modo diverso dicendole mentre la scopava una serie di parolacce che la fecero godere, poi fu la volta di Fausto non resistette a lungo era troppo eccitato. Anna fece per rivestirsi ma Enzo la bloccò e le mise il cazzo in bocca. Lo succhiò a lungo finché lui non venne nella sua bocca.
Si rivestì, Fausto le disse che doveva ritornare nel garage di notte perché voleva divertirsi ancora.
Appena tornata a casa ci facemmo una intensa scopata……..